Doratura

La doratura è un processo decorativo che permette, attraverso l'utilizzo di diversi materiali e tecniche, di impreziosire un oggetto, con l'applicazione di un sottilissimo strato d'oro vero o di uno strato di similoro.
I suoi ambiti di applicazione principale sono oggi la produzione di libri, di mobili e di opere d'arte.
La doratura era però anche una tecnica molto diffusa in passato. Si pensi all'arte bizantina o a quella medioevale e rinascimentale, dove, ad esempio, la foglia oro veniva utilizzata nei dipinti su tavola per esaltare gli sfondi o le aureole dei santi o ancora per rendere il luccichio del sole.

La tecnica della doratura consiste nell'applicare una sottilissima foglia d'oro su oggetti appositamenti preparati.
E' possibile individuare quattro fasi di lavorazione:
1) Ammannitura o imprimitura;
2) Applicazione del bolo;
3) Applicazione della foglia oro;
4) Verniciatura e patinatura.

1) Ammannitura o imprimitura. In questa fase la tavola di legno o la cornice viene bagnata con una soluzione di acqua e colla di coniglio (diluizione al 10%) detta "acqua di colla". Una volta asciugata questa prima stesura, si procede ad una prima mano con una soluzione di gesso ed acqua di colla (diluite in parti uguali - 50% e 50%). Dopo l'asciugatura di questa prima mano occorrerà procedere a dare più mani di gesso e colla sempre più diluite, in modo da formare uno strato di ammannitura uniforme, che una volta asciutto, andrà levigato con carta a smeriglio ed acqua.

2) Applicazione del bolo. Una volta levigata finemente la superficie nella fase precedente, è possibile procedere alla stesura del bolo. Il bolo è un argilla molto plastica di colore giallo, rosso o nero, che oggi si trova in commercio in barattoli già pronti all'uso (bolo acrilico) utilizzato solo per la doratura a missione, o semi-pronti e che richiedono una ulteriore preparazione. In particolare il bolo semi-pronto va diluito con una soluzione di colla di coniglio (acqua e colla di coniglio) per la sua stesura. La sua funzione è quella di lisciare ulteriormente la superficie da dorare andandosi a schiacciare permettamente sotto la pressione del brunitoio all'applicazione della foglia d'oro. In genere è utilizzato per l'applicazione di oro zecchino o argento vero.

3) Applicazione della foglia oro. Una volta asciugato il bolo, è possibile procedere all'applicazione della foglia oro. Per l'applicazione esistono diverse tecniche e prodotti, in base anche all'oggetto da decorare ed alla relativa superficie. Affinchè la foglia oro si attacchi permanentemente all'oggetto è necessario utilizzare una colla. E' possibile utilizzare una soluzione di acqua e colla di coniglio (diluizione al 10%) con cui bagnare l'oggetto da decorare per poi applicare la foglia d'oro e successivamente dopo 24 ore effettuare la brunitura. In alternativa, la foglia d'oro può essere applicata anche a missione cioè con l'utilizzo di una vernice siccativa che ha la proprietà di legarsi alla foglia d'oro. Al riguardo esistono diverse tipologie di missioni (all'acqua, a solvente o ad alcol) che richiedono lavorazioni diverse.
Oltre alla foglia d'oro zecchino, per contenere il costo, è possibile utilizzare dei fogli di similoro, il cosidetto orone, o in alternativa, utilizzare la foglia argento ed applicare la vernice per meccare.

4) Verniciatura e patinatura. Sopra la foglia oro è consuetudine stendere una mano di vernice di gomma lacca per proteggere l'oggetto dall'ossidazione e dall'abrasione del metallo. E' possibile inoltre utilizzare una cera d'api o ancora il bitume (utilizzato per scurire e per ottenere un effetto invecchiato).

prodotti per doratura

Filtri attivi